mercoledì 17 novembre 2010

Triora: un Viaggio tra Streghe

Vi siete chieste dove fossi scomparsa? Allora lasciate che in poche parole ve lo possa svelare.... con un rapido colpo di tacchi, io e altre due sorelle streghe compar mie, siam volate in quel di Triora.... splendido paesino dell'entroterra ligure... Salito alla ribalta delle cronache verso la fine del 1500 poichè fu teatro di terribile inquisizione verso povere 'streghe' incolpevoli...






Ops, eccoci qui,  atterrate nel magnifico bosco incantato.... indosso il mio cappello e via verso la scoperta di luoghi magici e misteriosi...


Streghe compagne di avventure, sabba, voli notturni, notti folleggianti, meriggi assolati ed incantati... streghe che non si svelano mai troppo, che si possono scorgere tra le foglie, di sfuggita, per la durata di un battito di ciglia....





Il bosco incantato nel quale le antiche streghe figlie di Diana e della quercia si radunavano...


La Cabotina... luogo prediletto dalle antiche Baggiue di Triora... qui si narra che danzassero e preparassero le loro terribili misture...




Viaggiando viaggiando incontriamo i segni lasciati dalle nostre sorelle... foglie dipinte di fuoco, funghi appetitosi, calderoni incantati, porte magiche che si aprono solo al suono della voce delle streghe di oggi, di ieri e di domani, gatti neri e una sorella imprigionata nella forte edera che tutto lega...







Posto il dovuto omaggio alla memoria delle nostre sorelle torturate ed uccise a causa dell'immensa ignoranza umana, abbiamo lasciato i cappelli a punta accanto alle scope e ci siamo perse nella magnificenza della natura, alla ricerca della fonte antica... quella che non manca mai.... quella che prima di esser la fonte delle streghe era la fonte della Madre, Colei che dona la Vita e la Morte, Colei che tutto è...



E infine, ancora un luogo intriso di magia... una vecchia, vecchia, vecchia chiesetta, sulla quale veglia, come sempre, una presenza familiare... circondata da castagni, edere e querce...




Eccoci dunque al termine della nostra avventura.... ricordate dunque che al di là dello scherzo, vi sono vicende oscure, v'è dolore e v'è tortura... al di là del gioco giacciono l'ignoranza dell'uomo dal quale è sbocciata la caccia selvaggia alla donna, alla strega, a colei che vede oltre.... E così a Triora (Tre Bocche, le tre bocche di Cerbero...) ancora risuanano le voci delle Baggiue...
Oggi sorridiamo, ma non scordiamo, almeno noi sorelle, il fuoco che lambì povere vesti, che bruciò la dignità dell'essere umano stesso... Un brindisi a loro, donne coraggiose e mai scordate.... e come disse una di loro:

"io stringo li denti e poi diranno che rido..."

In memoria di Franchetta Borelli e di tutte le povere sventurate che patirono per l'oltraggiosa supponenza dell'uomo.....




Se volete conoscere la storia e non dimenticare, potete approfondire qui: CLIK

**********

Potevo forse non onorare la mia arte in questi luoghi?



25 commenti:

la Dama del Bosco ha detto...

le foto sono splendide, i luoghi sembrano aver imprigionato nelle pietre, negli alberi, persino nell'aria, il ricordo, doloroso, di ciò che avvenne. Grazie di averlo diviso con noi. Occorre non dimenticare, perché il rogo, non di fuoco, è sempre pronto anche oggi per chi, con dignità e senza paura, è pronto a sfidare il comune modo di pensare e di vivere, in nome del vero, del bello, della vita stessa.
Un abbraccione!

)O( Shani )O( ha detto...

Conosco bene Triora, ci sono stata molte volte (non essendo così lontano da Torino) e devo dire che l'aria che si respira sembra che ci porti ancora le parole e le voci di quelle donne innocenti che avevano l'unica "colpa" di essere donne libere.
Da qualche parte a casa ho il libro con gli atti dei processi che furono fatti a danno di queste donne: sono pazzeschi... Ti fanno pensare che l'umana follia non ha veramente limite...

Grazie Arghi per aver condiviso il tuo viaggio con noi.
Ti abbraccio.

)0( Shani )0(

Anya ha detto...

Grazie delle foto, del resoconto ed un pensiero alle sorelle che hanno dovuto subire la stupidità dell'"uomo".

Sembrava di essere li con voi
Grazie di cuore :)

Anya

"bear's house" ha detto...

TESORAAAAAAAAAAAAAAAA!!!

Tesoraaaaa...che dire???

Adorabile...il racconto ti prende tutto d'un fiato...bello tutto.

Atmosfera e magia, tutto tipico della dolcissima Arghi...tutto perfetto tranne..."la stupidità" come dice Anya.

Ma tu sei fantasmagorica...ho letto e sono entrata nelle tue parole con un tuffo nel tuo viaggio...se osservi bene le tue foto potrai intravvedere anche il mio cappellone! ;o)

Un bacio magico dolce Arghi!

Kisses. NI

Fragolanelcuore ha detto...

che meraviglia!!! posto affascinante reso ancora più interessante dalle bellissime e suggestive foto che hai postato...
Quando si visitano luoghi cosî pieni di storia, poi che sia reale o allungata con la fantasia, fa niente... è sempre come vivere una pagina di una magia...
beata te.
ciao
Antonella

Elisabetta ha detto...

Che posti adorabili ed intrinsi di storia!!! Deve essere stato proprio affascinante aggirarsi in quei luoghi di sventura....ma fammi dire una cosa....stai ancora ricamando le tue bacche??!?!?!?

il tuo folletto isterico

Argante del Lago ha detto...

FOLLETTA MIA: LE HO FINITE!!!!!!

Galadriel ha detto...

Tremate tremate, le streghe son tornate... e per fortuna dico io!!! Che luoghi incantevoli, grazie per aver condiviso il racconto e queste foto suggestive!
Ciao
Roberta

Patrizia ha detto...

Ma... ma...averlo saputo, che sareste venute dalle mie parti!!!! Mi sarei unita al ... gruppo di streghette!!! Io vivo ad Imperia ed almeno una volta all'anno una gitarella in quei luoghi... magici ce lo faccio( si vede che le origini... non si smentiscono!! ) Pensa che da ragazza avevo persino (!! ) scritto un racconto ambientato in quei posti e proprio all'epoca delle persecuzioni!!
Ti ringrazio comunque di averci fatto fare questo meraviglioso giro turistico... ops! volevo dire "stregonesco" !!
Un saluto
Patty

Terry punto e a croce!!! ha detto...

bellissimi posti, ti consiglio un libro che sto leggendo "ianara" di Licia Giaquinto , è bellissimo e sono stra sicura piacerà tanto anche a te.
Baci

rosanna ha detto...

E che caspita, eri a 1 ora di macchina da Genova ! bei posti, io non sono una witchy ma triora mi fa sempre effetto. La pazzia umana non ha mai fine... o limiti. Rosanna

franca ha detto...

Anche io ci sono stata, è un posto particolarmente suggestivo.
Bellissime foto e bellissime parole.
Franca

Grazia ha detto...

che nostalgiaaaaaaaaaa!!!! e che bello foto stella! ne ho messa qualcuna anche io! ti voglio bene
la cail isterica

miss Potter, ha detto...

Stelin' ma che bel paesino...

Pare fermo, come se nulla fosse cambiato dal tempo degli eretici, immagino Franchetta e le altre sventurate camminare in quei borghetti con sottobraccio un cesto colmo di prezzemolo...

Magico post, grazie per il viaggio virtuale, siete bellerrime!

Sandy

Villa-loredana ha detto...

Molto istruttivo, confermo che l'ignoranza ed spietatezza del'uomo e un pozzo senza fondo, le manine d'oro che cosa xxxxx di bello. Loredana.

patrizia ha detto...

Ho visitato anch'io quel paesino tanti anni fa e l'ho rivisto con gioia, direi che una vacanza dopo tanto lavoro è meritata, se poi la compagnia è quella giusta, tutto è perfetto!

patrizia ha detto...

Ho visitato anch'io quel paesino tanti anni fa e l'ho rivisto con gioia, direi che una vacanza dopo tanto lavoro è meritata, se poi la compagnia è quella giusta, tutto è perfetto!

Euphorbia ha detto...

Che nostalgiaaaa! TVB
Euphi

Rosanna ha detto...

La tua passione per queste Donne, ha reso magico e incantevole questo post...
E magiche sono state le stupende foto che lo hanno accompagnato.
La chiesetta antica antica, è superba. Come pure il borgo incantevole che non conoscevo.
Un abbraccio grande, mia cara Arghi.
Ros

Elena ha detto...

Ciao streghetta del mio cuor! Ma che gita meravigliosa... Siete tornate indietro nel tempo, vero?
Ti mando un abbraccio e una mail...

Anonimo ha detto...

Triora e' un paesino della Liguria meraviglioso!!! ad agosto in un paese vicino organizzano una festa dedicata alle streghe,il borgo cambia scenario,negozianti e intere famiglie si travestono per rivivere il periodo dell'inquisizione e tra loro coinvolgono anche i turisti.Io ci sono stata e ne sono rimasta affascinata. comunque complimenti per le foto,come sempre bellissime!!

Grazia ha detto...

che ne dici della mia winter rose, vezzoseta e incorniciata di pizzo?
un bacione gigante dalla cail che inizia la sua giornata!

manu ha detto...

Caspita Eli ma siete partite appositamente x una visità? Io adoro sapere che ci sono persone meno pigre di me, che si riuniscono e vannooooooooooooooo!
brave avete fatto una bella gita!
Complimenti per le foto!
Manu

Pisi ha detto...

L'ho già detto altre volte ma lo ripeto perchè vale particolarmente per questo post: Le tue parole e le tue immagini hanno poteri magici: incantano!
Pisi

Raven ha detto...

MA che bel posto! Mi sa che prima o poi ci vado con Ilmare...