giovedì 24 febbraio 2011

Topi e topini

Siam tre piccoli fratellin, siamo tre topolin!!!! E siamo già stati tutti adottati, già corriamo felici verso le nostre mammine adottive :-) Ma siamo adorabili no? 

Buongiorno mie care, scusatemi se non riesco a passare dai vostri blog in questi giorni, ma sono un po' sempre di corsa... prometto che nel fine settimana passerò con calma, finalmente... E ora scappo che nuovi topini aspettano baffi e codine e occhietti...









Se volete adottare uno di noi piccoli in fase di assemblamento basta scrivere a: ilfiloincantato@hotmail.com

PICCOLO AGGIORNAMENTO:
Grazie a Cocca che mi ha dedicato questo premio, che a mia volta giro a tutte voi che passate di qua e mi lasciate sempre un segno del vostro peregrinare....


martedì 22 febbraio 2011

Fancy a Jane Day?

Questo meraviglioso schema di The Sampler Girl mi è stato regalato da Grazia... non me lo aspettavo, ma è capitato in una di quelle giornate... un po' così: apri la cassetta delle lettere e dentro ci trovi esattamente quello che volevi ricamare... Detto e fatto: ricamato in giornata. Ho aperto la busta e ho iniziato... Poi mi sono sbizzarrita con un po' di orlo a giorno, tanto per non perdere l'abitudine...


Quando lo guardo... sto bene! E' perfetto.. cioè, è perfetto per me.... ! Sisi, lo so, sto aggiornando furiosamente, ma ho un po' di cose da farvi vedere e quindi portate pazienza!!! Anzi, in fondo vi metto anche una foto indizio del prossimo post....  :-)))





Cosa starò preparando???



Winter Swap

Un aggiornamento veloce veloce! Avevo partecipato al bellissimo swap organizzato da Shani. Il tema era l'inverno, così ho ricamato un cuscinetto con i miei amatissimi cervi, ho cucinato dei biscotti e ho acquistato la casetta con le caramelle e un paio di orecchini che sono però incartati. La mia abbinata era la cara Miss Marple. I suoi bellissimi doni li devo ancora fotografare, ma sono stata felicissima!!!! e visto che sono pigra rubo la foto di Shani!!!  Grazie Shani per aver organizzato lo swap e grazie dolce Miss per la tua gentilezza. :-))))




E infine i doni di Miss Marple per me (guantini apprezzatissimi in primis, cioccolata finita, tisana in esaurimento!)

lunedì 21 febbraio 2011

Black Swan

Lo so, questo è un blog di creatività, nel quale non si parla del più e del meno... ma raramente esco dal cinema così soddisfatta... Fin da piccola ho sempre adorato il balletto... a parte l'esser tutto fuorchè esile, sono anche alta un metro e ottanta, quindi io a danza proprio non ho mai messo piede, ma l'amore per il balletto è tale che da ragazzina comprai anche le scarpette con la punta rigida, da appendere in cameretta... e le guardavo sognante. Questo film è splendido... Odette è magnifica e Odile è superba... sto parlando del cigno bianco e del cigno nero del Lago dei Cigni... La storia del film? Beh, è la storia di una novella etoile che deve riuscire ad interpretare tutte e due i personaggi... ma ... andate a vederlo, è splendido e vi farà innamorare della danza classica...  (le prime quattro immagine sono tratte dal film, le altre due rappresentano una scena da una versione del Lago dei cigni e la mitica Gillian Murphy che ringrazia il pubblico alla fine dello spettacolo).





Immagine tratta da Google
©del legittimo autore

mercoledì 16 febbraio 2011

An unexpected gift...

DAL DIZIONARIO DELLE CREATURE FATATE:

FOLLETTA ISTERICA: dicesi folletta isterica una piccola esserina magrolina e saltellante, dotata di graziosissimo viso allegro, in perpetuo movimento, che abita a volte le valli del trentino. Si nutre di paste mignon e coca cola, e l'unico modo per vederla fermA è darle in mano ago e filo. Si trasforma allora in una splendida fatina silenziosa e trasognata.

CARTTERISTICHE: isterica (appunto di qui il nome), lunga coda di cavallo, lentiggini, sorriso semi perpetuo sul bel visino, velocità assurda nel ricamare, generosa, coca cola dipendente. Si veste solo di finissimo lino almeno 40 ct... 

COME VEDERLA: impossibile, è sempre in un turbine di movimento, l'unico modo per intuire le sue fattezze è sorprenderla mentre ricama, allora riesce a stare immobile e a creare splendidi minuscoli capolavori che dona alle amiche nei momenti più inaspettati... per ammirarli tutti potete andare QUI





Grazie Elisabetta... sei il solito tesoro.... non mi aspettavo questo pensiero, non mi stupirò mai abbastanza di come tu colga sempre ogni minima frase, o accenno io faccia, a ciò che amo...

martedì 15 febbraio 2011

Bakewell Tart: directly from Victorian Era (a little bit earlier...)

Eccomi, come promesso e sperato, reduce dalla cena vittoriana. Non vi nascondo una certa soddisfazione e qualche perplessità.... ad esempio, se pensate che la ricetta per gli scones sia 'una botta di vita calorica...' beh, la Bakewell Tart è mooooolto peggio. Buonissima ma simile ad un mattone, e ci credo, se consideriamo l'epoca vittoriana...  Sono miracolosamente riuscita a cucinare anche la Pork Pastry, che è.... deliziosa ma pesaaaaaaanteee! Insomma, a fine cena sia io che il caro Consorte avevamo bisogno di uscire e camminare, nonostante fossimo in febbraio....  Ma tant'è, cucinare una ricetta come la Pastry, ricetta databile al 1400 circa, non può che essere una sfida. Oggi però vi parlo della Bakewell Tart, davvero deliziosa! Una delle rarissime torte tonde ad essermi riuscita...

Allora, veniamo alla storia della BAKEWELL TART, presa e tradotta direttamente da wiki, così la posso mettere anche in inglese: le origini della Bakewell non sono chiare, ma si dice per lo più che sia nata da un errore... nel 1820 la proprietaria del Whitehorse Inn, a Bakewell nel Derbyshire, chiese al cuoco della locanda di preparare un dolce alla marmellata. Il cuoco interpretò male le istruzioni della padrona e, invece di incorporare le uova e le mandorle nell'impasto, fece la crema e la mise sopra la marmellata... La torta fu comunque un successo e prense il nome dalla cittadina che ancora oggi ospita la locanda (ribattezzata Ruthland Arm).


ENGLISH: The origins of the pudding are not clear; however, the generally accepted story is that it was first made by accident in 1820 when the landlady of the White Horse Inn (now called the Rutland Arms) left instructions for her cook to make a jam tart. The cook, instead of stirring the eggs and almond paste mixture into the pastry, spread it on top of the jam. When cooked the egg and almond paste sets similar to an egg custard in texture and the result was successful enough for it to become a popular dish at the inn. The Bakewell Pudding is exclusive to Bakewell. Bakewell Tarts are a completely different confection, both in appearance, flavour and texture. These are made by larger commercial bakeries, usually with icing sugar on top, which have spread the name. (fonte Wiki)

Ingredienti per la frolla:
300 gr di farina
150 gr di burro
2 uova intere
100 gr di zucchero
1 cucchiaino di lievito (che io non ho messo)

Ingredienti per la copertura:
125 gr di farina di mandorle
125 gr di burro
125 gr di zucchero a velo
2 uova
50 gr di farina
250 gr di marmellata di ciliege (o di mirtilli, ribes, mirtilli rossi, fragole...)

Procedimento:
innanzitutto prepariamo la pasta frolla, ognuna di noi avrà il proprio metodo,  io prima miscelo burro, uova e zucchero e poi aggiungo la farina. Quando il composto sarà cremoso e omogeneo, riponiamoli in frigorifero a riposare per una mezzoretta.

Mentre la frolla riposa, prepariamo la crema frangipane. Prima di tutto montiamo il burro e lo zucchero a velo, poi aggiungiamo le uova, poi la farina e solo in ultimo la farina di mandorle. Dobbiamo ottenere un composto molto cremoso ed omogeneo.

Ora prendiamo la frolla e stendiamola in una tortiera apribile, del diametro di circa 24 cm. Sopra la frolla spalmiamo la marmellata e sopra la marmellata, con molta cura, andiamo a stendere la crema frangipane. Attenzione che la marmellata sia bel ricoperta, così che non venga in superficie durante la cottura.
Cuociamo ora per circa 30 minuti a 180°C. La crema frangipane deve risultare dorata a fine cottura. Sfornate, lasciate raffreddare e decorate a piacere :-)


La tavola di San Valentino

Pork Pastry

Pork Pastry pronta al divoramento

Posson forse mancare i cuori a San Valentino?

Spero di avervi fatto cosa gradita! Se ci fate caso nella prima foto c'è un ricamo in attesa di esser confezionato e mostrato a voi mie care... Oggi rifinisco e domani posto! Felice martedì a tutte le lettrici del filo incantato in veste vittoriana :-)))

lunedì 14 febbraio 2011

Victorian Valentine

Buon San Valentino a tutte! Questo in primis, in secundis (si dice così?), quando mi fisso su qualcosa divento un turbine creativo che istericamente gira per casa borbottando... ultimamente borbottando in inglese... non so perchè... ma comunque, unendo le mie passioni, il ricamo e l'epoca vittoriana, potevo forse non festeggiare un San Valentino vittoriano? Ovvero? beh... con un'atmosfera tutta particolare un regalo per il mio Consorte un po' particolare.... e un menù d'epoca.... Spero ardentemente che mi riesca tutto e vi confesso una notevole apprensione per la torta... ma : ONLY THE BRAVE!!! Quindi mi devo dar da fare e domani, se sarà tutto riuscito e nessuno di noi sarà finito a farsi fare una lavanda gastrica, vi posterò menù e ricette! L'idea è quella di preparare una Pork Pastry con ricetta del 1800, semplici patate al forno, e per dolce una Bakewell Tart, leggendario dolce vittoriano con una particolarissima storia alle spalle! Bene, ora esco, faccio la spesa e ci provo!

A voi invece, lascio un regalino tutto da crocettare free, ma non qui... bensì dal leprotto vittoriano per eccellenza: The Primitive Hare... mi raccomando, casomai lo ricamaste, mandatemi le foto, mi piace tanto vedere le vostre realizzazioni!!!! Infine vi auguro per stasera un sacco di coccole e di dolcezza...
Che cosa farete? Cenetta in casa o al ristorante? Vi confesso una certa voglia di fare pic nic... ma al 14 febbraio la vedo duretta.....

Un bacio a tutte voi mie care!!! e BUON SAN VALENTINO!

domenica 13 febbraio 2011

Amicizia è....

Amicizia è una parola abusata, io ho molte conoscenti, qualche amica e quattro persone che definisco Amiche con la A maiuscola..., anzi, Sorelle. Sono quelle persone che sanno tacere quando piangi invece di ricoprirti di parole inutili, sono quelle che ti dicono 'stai facendo una ca....ata' e sanno che non le detesterai per essere state sincere, sono quelle che arrivano in casa mia e lavano i piatti, che prendono la mia gatta e la strapazzano di coccole, sono le donne che mi insegnano ogni giorno qualcosa di nuovo... sono quelle ragazze che ti dicono 'oggi sono simpaticamente depressa' ridendo e pensando al mare dei loro casini con ironia; sono quelle che sento per telefono una volta ogni 3 mesi ma non ci sono problemi; quelle che non ti fanno sentire sempre sotto esame; quelle che sai che sono EASY, che mi chiamano ISI, che sanno cosa sia il Tor e che se gli nomini re artù vanno in fibrillazione..., sono quelle con le quali vai ai concerti di Roger Waters da 20 anni, quelle che ti spediscono la matita per le labbra che cercavi furiosamente; quelle che ti hanno insegnato a rollare una canna sapendo benissimo che nemmeno fumi (a Lore'!!!!) e che sanno chi sia Rana Giò.
Amano gli uomini coi capelli rossi (hihiihih) come me, ci scambiamo ricette e adoriamo spararci sedute di coprolalia telefonica..., adorano i gatti, l'Inghilterra, i cottage e lo stile shabby romantic primitive. Non sanno prendere in mano un ago ma in un inverno sono riuscite a sferruzzare 40 sciarpe tutte identiche 'perchè è morto Codino e mi sento depressa' (40 per davvero eh..).... Sono le persone con le quali ho condiviso i momenti si e quelli no... da una vita o quasi...
Sono le Amiche con la A maiuscola, non me ne vogliano le altre, ma gli anni passati insieme legano come poche cose.... e non solo gli anni... anche le vite che scopri gemelle... e ti domandi: ma com'è che sai esattamente cosa sto pensando????

Quindi grazie a Grazia per questo.... 


che dedico a 4 persone vere e reali, delle quali solo due hanno un blog, persone che sono cresciute con me, che sono anni e anni che costellano la mia vita di affetto sincero....

Lo dedico a 

Lorena
Grazia 
Manuela
Cassandra

Le 7 cose che preferisco?

L'Inghilterra
Jonathan Rhys Meyers
Ricamare
Il Bosco con la nebbia
Gli animali
La neve e la pioggia
Scrivere mentre piove....
e... VOI 4!

giovedì 10 febbraio 2011

E' TARDI , E' Tardi, è tardiiiii

E' tardi gridava il Bianconiglio,
Ma nooooo sussurrava Madama La Chiocciola!!!




Ma ti dico di siiiiiiii, tutti gli animali di pezza son già sotto l'albero antico, dove i primi fiori sbocciano e le prime api si avventurano!!!!


Ma ti dico di no amica mia lepre, sei sempre di corsa, sii serena, è ancora presto... farà ancora in tempo la neve a scendere lieve... rilassati e rallenta il passo, aspettami suvvia!!!!


mmm, non ne sono convinta amica mia Chiocciola, ma ti aspetto.... anzi, ne approfitto per regolare l'orologio...




E così, ognuno col suo passo, correvano incontro alla Primavera, allegri e giocosi, amici nonostante fossero così diversi! A casa di chi arriveranno? Ancora non si sa, ma si sa che vorrebbero rimanere insieme, perchè ormai sono amiche queste due creaturine...
Se volete donar loro una casetta, mandatemi una mail: ilfiloincantato@hotmail.com
ADOTTATE  :-))

lunedì 7 febbraio 2011

Castel Thun

Buona settimana amiche mie!
Ieri io e il caro consorte abbiamo visitato Castel Thun (sisi, proprio i conti Thun che producono anche le statuine)... Lo inaugurarono lo scorso aprile ed effettivamente è solo ad una mezzoretta da casa, ma non avevamo ancora mai avuto l'idea di andarci (che storditi...). La giornata era tiepidina, il castello assolutamente splendido! Cosa chiedere di più? In una delle torri di guardia hanno ricavato pefino una adorabile caffetteria... e vi assicuro che se fuori era tiepidino, dentro il castello l'aria era gelida!!! ALla fine una calda tazza di tea era davvero necessaria! Non vi annoio oltre e vi lascio a qualche foto...







Cappella di San Giorgio 

misteriosa dama del Graal...

questi volti sono facenti parte della Crocifissione affrescata nella cappella di San Giorgio, non ve n'è uno uguale, e sono moltissimi ed inquietanti....
la cucina antica

la cucina moderna

Libro dei salari di servi, donzelle e serve