lunedì 26 settembre 2011

Time to be wicked: Lo Zucca-spilli

Buongiorno mie care, e felice settimana! Stamane mi sono svegliata con una immensa voglia di zucche, di autunno, di arancione, di streghe e folletti, di gatti neri e soffi sul collo, insomma, è tempo di darsi una mossa, rispolverare la scopa e darsi da fare che : A) Halloween è qui dietro l'angolo e B) anche la Fiera di Vicenza...


Ecco dunque perchè ho deciso di halloweeneggiare il mio template e creare un gioiellino così! Che ne dite? Non è un amore? Doppia zucchetta su piedistallo in legno anticato, con spillini primitive. Ne ho prodotti un po'...


Ma??? E qui cosa spunta? Cosa vi vede laggiù???? Un pezzo di ricamo? Un nuovo schema???? Dite?????? 



Attendete e tra pochissimissimo vedrete! Per ora, se desiderate avere nelle vostre casine lo zucca-spilli già fatto o il kit per realizzarlo, scrivetemi QUI (il kit comprende il piedistallo in legno, il cartamodello, il picciolo e 6 spilli primitive. La stoffa no perchè ognuno deve poter scegliere ciò che preferisce)

Felice giornata a tutte!!!!

sabato 24 settembre 2011

Dal cantiere...

Buongiorno mie care: che autunno intenso e impegnativo!!! Finalmente trovo il tempo e la calma necessari per tediarvi con le foto del cantiere. Ora... non le trovo particolarmente interessanti, ma visto che ve le avevo promesse...  I lavori sono andati a rilento all'inizio, ma ora stanno procedendo davvero velocemente. Le foto sono dell'inizio di questa settimana, ora la facciata è ricoperta dalla impalcature che servono per poter salire e posare i sassi che servono per rivestire i muri esterni.


Vediamo qualche dato tecnico. Per ora sono stati costruiti due piani, entrambi sono quasi del tutto ricoperti con i sassi originali della casa, i quali erano stati smantellati, e ora rimessi esattamente al loro posto. In queste foto i sassi arrivano solo alle finestre, ma a casa finita arriveranno fino alla fine del secondo piano. I muri hanno uno spessore di hem... 70 centimetri!!!! Più antisismica di così... Il pianterreno è stato fatto in cemento armato (armatissimo direi), il primo piano in mattoni e cemento armato ed entrambi hanno l'ulteriore copertura a sasso. Il secondo piano verrà ricostruito tradizionalmente in legno, insieme al tetto, e verrà anche soppalcato.



Nel pian terreno troviamo: un monolocale adibito a B&B, il mio laboratorio, la sauna, la cantina, il locale caldaia e un altro locale dalla misteriosa destinazione, per un totale di circa 140 mq. Parte di questo piano, cantina e caldaia, è interrato e invisibile dalle foto. Il monolocale avrà ovviamente un graziosissimo angolo cottura, un bagno molto spazioso e una entrata indipendente. Da sul giardino, ed è, credetemi, incantevole...

L'entrata principale ha un portone a doppio battente: per ora rettangolare, a lavori ultimati il portone sarà un arco, con tanto di vetrata nella parte superiore e cardini in ferro battuto.


Salendo la scala (sia interna che esterna), si arriva al primo piano, dove troviamo la cucina, un mini bagno, la sala principale, la dispensa e una bibliotechina. La cucina ha una porta che da su una immensa terrazza giardino, non so, di circa 45 mq credo. Vi si accede esternamente dalla scala di questa foto qui sopra. Ovviamente la scala verrà ricoperta di sasso, ma mi hanno spiegato che sarà l'ultimissimo lavoro da fare... 



Su questo piano troviamo anche la sala principale, dotata di finestre e porte finestre, una delle quali sfocia su un giardino rialzato, dal quale è possibile ovviamente scendere e accedere al resto della proprietà (mi sembra di essere una immobiliarista, hihihih). 



In fondo alla sala, divisa a metà da un arco, troviamo grande camino ad angolo e di fianco una minuscola porticina che porta alla bibliotechina, che verrà ricostruita tipo stube, completamente foderata in legno, insomma, la classica biblioteca ( a parte le dimensioni, visto che è piccina piccina piccina).


Al secondo piano due camere con bagno adibite a B&B, la nostra camera da letto, una camera per gli ospiti, il bagno padronale, lo spogliatoio. Nei soppalchi delle camere da letto vedremo cosa farci.... Questo piano non esiste ancora, verrà costruito nel mese di ottobre, per poi chiudere il cantiere una volta arrivati al tetto e riaprirlo in primavera :-)))

So che dalle foto non si capisce ancora molto, fatico io a capirci qualcosa che ci passo le giornate in quel cantiere... però sono così soddisfatta dei progressi fatti che non potevo non condividerli con voi. Ecco, se mi sentite un po' latitante ora sapete perchè :-))) Felice fine settimana!!!!

mercoledì 21 settembre 2011

The colors I love

Ci sono poche cose che amo come l'autunno e l'inverno... e così creo: ispirata dal freddo arrossire delle mele, dal profumo dei falò nei campi... Sabato c'è stata la transumanza: i pastori hanno portato le greggi e le mandrie via dai pascoli alti, ed ora la valle è tutta un tintinnare di campane... Sulle cime è scesa la prima neve, e l'aria è fredda e tagliente...



E se volete tentare la fortuna, vi ricordo il mio blog candy Autunnale 

lunedì 19 settembre 2011

Prossimamente... alle mie lettrici:

Oggi diluvia, l'aria è gelida... dovrei prepararmi e uscire per andare in posta ma temo il congelamento... la gioia di vedere questo cielo plumbeo però non ha pari! Sono stati giorni molto frenetici, non so come ringraziarvi per tutti i bellissimi commenti che mi avete lasciato: questi ultimi schemi sono stati accolti da voi tutte con tanta gioia e calore: GRAZIE! Li ho disegnati in piena estate, in pieno trasloco, in pieno caos... erano il mio rifugio mentale e tutte le mille scadenze, le mille cose da fare e disfare cui dovevo star dietro... ma.... non è finita qui lo sapete? Insomma... non avete notato che mancano gli schemi di Halloween? Pensate forse che vi lasci senza streghe, fattucchiere, calderoni, scope, scopine e scopette? 

Ma no dai.... non avrete mica creduto una cosa del genere vero? E poi non c'era con quel progetto con quelle due care amiche di cui avete sentito parlare anche in altri blog? E non c'è forse la Fiera di Vicenza? Mmmmm, mi sa che sarà un autunno mooooooolto interessante...  Questo post però nasce principalmente per ringraziarvi. Ho da poco aggiornato il mio blogroll aggiungendo moltissime di voi che per mancanza di tempo, di connessione e abbondanza di distrazione, non erano presenti. E ora mi è mooolto più semplice seguire tutte le vostre meraviglie... Vi auguro una felicissima settimana e... ma cosa c'è in questa foto qui sopra? Cosa sarà mai????? Appena qualche giorno e lo scoprirete :-) Felice settimana a tutte!!!

Dimenticavo...: lo sapete che sulla Primitive Hare vi aspetta un Blog Candy nuovo nuovo? Ve lo avevo promesso no?

mercoledì 14 settembre 2011

Christmas Carol Sock: a Dickens Christmas

Mie care ricamatrici, vi confesso che non ho una voglia particolare di presentare questo schema (che adoro però)... Il fatto è che sono immersa in un periodo mooolto Halloweenoso e per nulla nataloso... però non mi pare nemmeno bello non spendere due parole su questo schema che tra un pochino troverete nei negozi...

Allora: era una notte fredda e gelida, e la neve scendeva fitta fitta tra i vicoli oscuri di una Londra antica, illuminata da lampioni con fiammelle tremolanti, e ravvivata solo dai giochi di bimbi scanzonati. Che fastidiooooo pensava il terribile Scrooge! Volete sapere il seguito? Allora avete due scelte: o leggere ai vostri bambini il bellissimo romanzo di Charles Dickens, o guardare insieme a loro il film... Io opterei per fare entrambe le cose, ma in questo preciso ordine...  

Christmas Carol Sock - ©2011  The Primitive Hare


Ogni anno (nemmeno lo facessi da decenni, eh...) disegno uno schema dedicato a quetso incantevole libro. L'anno scorse realizzai tre ornaments (CLIK per vederli), mentre per questo Natale ho pensato ad una calza... In effetti, essendo lunga, si dovrebbe iniziare a ricamarla ora... ma visto che è ricca di particolari, nulla vieta di creare anche tanti piccoli singoli ornaments... che ognuna di voi dia libero sfogo alla fantasia! CHRISTMAS CAROL SOCK

Christmas Carol Sock - ©2011  The Primitive Hare


Anche in questo caso un grazie a Elisabetta, che ha ricamato questo gioiello su un finissimo lino 40 ct... io credo che sarei diventata cieca....

It was always said of him 
that he knew how to keep Christmas well...

- Charles Dickens -

venerdì 9 settembre 2011

Rebecca Nurse

Sebbene l'estate imperversi furiosa ancora in molti luoghi, qui tra i meli il freddo è arrivato per arrossar le mele. Si accende la stufa, si cucinano piatti di antica tradizione e la mente viaggia verso quei temi che per me hanno sempre accompagnato l'autunno... Le streghe di Salem sono state spesso nominate in questa casa, ancor più spesso ricamate, di loro si è spesso scritto e discusso, e così non potevo non rendere il mio personale tributo a quella di loro che sento più innocente e delicata (sebbene innocenti lo fossero davvero e ovviamente tutte): Rebecca Nurse. Vi riporto qui sotto le informazioni che potrete leggere in versione più ampia su Wiki:


Nel 1645, Rebecca sposò Francis Nurse, anche lui di origine inglese. Suo marito fabbricava e commerciava articoli casalinghi in legno La famiglia Nurse viveva in una grande fattoria che faceva parte di una tenuta di 300 acri data in concessione a Townsend Bishop nel 1636. Francis all’inizio prese la tenuta in affitto per poi acquistarla gradualmente. La coppia ebbe otto figli: quattro femmine e quattro maschi. Rebecca Nurse era una fedele praticante e la sua famiglia era molto rispettata a Salem Village; Francis veniva spesso convocato come giudice arbitro per dirimere le controversie nel villaggio. Nel 1672, Francis fu nominato connestabile di Salem. Dalle cronache successive si sa che Rebecca aveva “acquisito la reputazione di donna di esemplare devozione da essere praticamente inimitabile nella comunità” tanto da far di lei una delle persone più “inverosimilmente” accusabili di stregoneria.


Alla fine del dibattimento la giuria pronunciò il verdetto di non colpevolezza della Nurse. Grazie alle proteste del pubblico e alle rinnovate dimostrazioni di spasmi da parte delle ragazze, il magistrato chiese che il verdetto venisse riconsiderato. In discussione era sopraggiunta la dichiarazione di un’altra prigioniera, una certa Hobbs “[lei] è una di noi”, a questa affermazione la Nurse non rispose, probabilmente non l’aveva udita a causa della sordità. La giuria considerò questa assenza di risposta quale segno di colpevolezza e modificò il suo verdetto, condannando Rebecca alla pena capitale. Rebecca Nurse venne scomunicata il 3 luglio 1692, “abbandonata al maligno e alla dannazione eterna”. Il 19 luglio 1692, Rebecca, insieme ad altre quattro donne, fu condotta sulla Gallows Hill e impiccata.


Molte persone definirono Rebecca Nurse "la donna dell’autodignità", per il dignitoso comportamento tenuto sul patibolo. Secondo consuetudine, dopo l’impiccagione il corpo della Nurse venne sepolto in una fossa vicino al patibolo, insieme ad altre streghe condannate, che erano considerate non degne di una sepoltura cristiana. La famiglia Nurse tornò segretamente dopo il tramonto e tirò fuori dalla fossa il corpo di Rebecca per seppellirla degnamente nella fattoria di famiglia. Nel mese di luglio del 1885, i suoi discendenti eressero un monumento di granito in quello che oggi è chiamato cimitero Rebecca Nurse Homestead a Danvers, (già Salem Village) nel Massachusetts.

Rebecca Nurse : ©THE PRIMITIVE HARE

Immagine tratta da Google
©del legittimo autore

Come potete vedere il mio schema è la riproduzione fedele della vera casa di Rebecca, oggi Museo in quel di Danvers, l'antico Salem Village. Quando visitai Salem era autunno, un tripudio di streghe e diavoli, zucche e colore, ad ogni angolo di strada una rappresentazione.. ma nei cimiteri silenziosi, chissà perchè, ancora oggi, 400 anni dopo, qualcuno lascia sempre un fiore... Questo disegno è il fiore per le vittime innocenti di Salem, ma anche di Triora, Loudun, Coredo, Cavalese... e per tutte le persone che soffrirono e morirono a causa dell'umana stupidità...

domenica 4 settembre 2011

Wicked night at Sleepy Hollow

Fanciulle, compagne di avventure con ago filo, sorelle di rocchetto e telaio: l'autunno si avvicina; cavalca fiero e veloce tra i boschi: tinge di rosso, di giallo e di arancio le foglie e gli aghi dei larici; le piogge si infittiscono, le nebbie scendono come veli tra gli abeti; le acque del fiume si fanno più grigie e le zucche ormai son quasi quasi pronte…. Non credo quindi di farvi cosa sgradita, nel presentarvi… Il Cavaliere Senza Testa, il terrore di Sleepy Hollow, il tormento dei vivi e dei morti! 




Ok, l'ho messa giù un po' pesante :-) In verità, vi presento il disegno che ho ricreato per lo speciale di Just Cross Stitch, tutto dedicato ad Halloween: si chiama Wicked Night ed è ovviamente ispirato al bellissimo racconto Sleepy Hollow, dal quale Tim Burton trasse l'ormai famosissimo omonimo film. 





Inizio fin da ora ad augurarvi un autunno creativo e ricco di magia! E se volete ricamare questo cavaliere terrificante clikkate sull'immagine qui di fianco oppure 

Uno speciale ringraziamento va ad Elisabetta che come sempre in men che non si dica ha creato ciò che io pensavo. Velocissima e bravissima, indispensabile direi :-)